Delle Tre Cose Belle (Prima Parte)

Calda e spolverata di zucchero a velo, la sfogliatella frolla ha origine sulla Costiera Amalfitana nel 18mo secolo, nel monastero di Santa Rosa d’Amalfi, si dice, grazie al buon senso di una monaca cuoca. Arriverà a Napoli un secolo dopo,  acquistando nel viaggio anche il riccio della pasta sfoglia.

So’ doje sore: ‘a riccia e a frolla.
Miez’a strada, fann’a folla.
Chella riccia è chiù sciarmante:
veste d’oro, ed è croccante,
caura, doce e profumata.
L’ata, ‘a frolla, è na pupata.
E’ chiù tonna, e chiù modesta,
ma si’ a guarde, è già na festa!
Quann’e ncontre ncopp’o corso
t’e vulesse magnà a muorze.
E sti ssore accussì belle
sai chi so’? So’ ‘e sfugliatelle!

Per qualche motivo è diventata anche sinonimo di parcella esosa, bolletta da pagare, cambiale, ingiunzione

«Mi è arrivata una bella sfogliatella!»

Associazione ironica, ma ingiusta per un dolce così delicato, tutto basato sullo speciale equilibrio tra sfoglia e ripieno sublimato nella sua aggraziata architettura rococò.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: