Una Storia Futile

Si guardavano così, ormai, soltanto da lontano, accontentandosi degli spiragli che qualche accenno casuale di un ignaro conoscente poteva ogni tanto dischiudere sulla vita dell’uno, o dell’altra. A quelle brevi e impreviste rivelazioni non davano mostra, in pubblico, che di distratta indifferenza.

Eppure, come l’erba selvatica compressa sotto i basoli che si ostina a sfuggirvi tra le crepe della pietra, così l’improvviso farsi strada tra il rumore indistinto delle chiacchiere di un nome, di un fatto, di un posto, li colpiva di un violento tuffo al cuore, di quelli senza pietà, che tolgono il respiro, proprio come in certi romanzetti cuore amore a poco prezzo. E tutto il tempo trascorso lontani, a volersi illudere che la tempesta fosse finalmente placata, tornava a sembrare perduto, senza senso, intollerabile.

Il tempo, quello che rende futile ogni cosa. L’amore, l’odio, l’indifferenza. Futile ciò che li aveva separati. Futile il modo in cui si erano di nuovo cercati, sfuggendosi, ambigui, dicendo che no, basta, non poteva continuare, non doveva, però mi manchi, però no. Futile l’essersi ancora persi.

Avevano scavato un mare tra di loro. E questo portava a riva detriti, qualche alga, un vetro luccicante. Le sue onde erano crespe e incerte, eppure ad esse alle volte affidavano anche messaggi in bottiglia, richiami oscuri per chiunque, non per loro.

O così speravano. Il grido che lascio alla corrente ti raggiungerà mai? Saprai capirlo? E ti dirà ciò che vorresti ti dicessi? Domande senza risposta, Perse nel suono della risacca.

Piaceva loro anche immaginare che un giorno si sarebbero incontrati per caso, all’improvviso, voltato l’angolo, di faccia, senza potersi evitare. Ciao, come stai, quanto tempo, ho pensato a te, lo sai? E poi?

E poi alle volte sospiravano, magari con un po’ di vergogna, ma poca poca, quasi niente, proprio come in quei romanzetti.

Lasciavano al fato di decidere per loro, non riuscendo a decidere per se stessi. E continuavano a guardarsi così, soltanto da lontano.

Message-in-a-Bottle

[Roma, Giugno 2013]

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: