Category Archives: Pensieri (altrui)

Ecclesiaste 1:9-11

Amene riflessioni per l’anno che verrà

9 Quello ch’è stato è quel che sarà; quel che s’è fatto è quel che si farà; non v’è nulla di nuovo sotto il sole. 10 V’ha egli qualcosa della quale si dica: “Guarda questo è nuovo?” Quella cosa esisteva già nei secoli che ci hanno preceduto. 11 Non rimane memoria delle cose d’altri tempi; e di quel che succederà in seguito non rimarrà memoria fra quelli che verranno più tardi.

rat-raceX

Advertisements

Devozioni

Ogni anno, il due novembre, c’è l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fa’ chesta crianza;
ognuno adda tene’ chistu penziero.

Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitata ‘n’avventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio
(Madonna!) si ce penzo, che paura!
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del ’31”.

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e ‘stu signore
nce stava ‘n’ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe’ segno, sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
guardannola, che ppena me faceva
‘stu muorto senza manco ‘nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo ‘stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’ ‘rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato… dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo, ‘a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu’ ‘na scopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘o muorto puveriello…’o scupatore.
‘Into a ‘stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo… calmo calmo,
dicette a don Gennaro: “Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente”.

“Signor Marchese, nun è colpa mia,
i’ nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo, obbj’… ‘nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti, o turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé… piglia ‘sta violenza…
‘A verità, Marche’, mme so’ scucciato
‘e te senti’, e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so’ mazzate!…

Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuo capi’, ca simmo eguale?…
…Muorto si’ tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘n ato è tale e qquale”.

“Lurido porco!… Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale… Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo… ‘int ‘a cervella
che staje malato ancora È fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched’è?… è ‘na livella.

‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
trasenno ‘stu canciello ha fatto ‘o punto
c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’è fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti… nun fa’ ‘o restivo,
suppuorteme vicino – che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie… appartenimmo a’ morte!”.

[Antonio de Curtis, ‘A livella (1953/64)]

Napoli – Nuovo cimitero di Poggioreale. 1860

Indifferentemente

Resentment is like taking poison and waiting for the other person to die

[Malachy McCourt]

La tana della volpa rossa

Quando i cinefili erano eroi

Voi non sapete, cinefili esuli dalla Mostra di Venezia, che impresa ar­dua era andare al cinema da noi.

Prima di entrare si chiedeva al bigliet­taio la trama e il giudizio sul film, come se il poveretto fosse il regista o un critico. Ricordo una volta, per telefono, «Che film date»? «La tana della volpa rossa» ri­spose fiero il cassiere.

Si entrava in sala anche a metà film e si chiedeva al vicino: chi è il giovane? Ove giovane stava per protagonista. Seguiva il goffo sunto della trama fin lì. In sala c’erano i Replicanti che vedeva­no i­l film quattro volte e all’ultima antici­pavano le battute, con frequenti risse con chi li zittiva perché «dobbiamo capi­re il film». C’erano i Ruminanti che masticavano i pop corn dell’antichità: lupini,semi,fa­ve arrostite o addirittura chele di gran­chi o pelose, sputando le bucce. I Dormienti venivano al cinema solo per sognare, ma erano svegliati brusca­mente se russavano o se accasciavano la testa sulla spalle dei vicini. I Viscerali, poi, venivano per digerire con tutti gli orifizi a disposizione, cau­sando litigi anche maneschi.

E gli Infetti­vi, d’inverno catarrosi con espettorazio­ni stereofoniche e d’estate portatori di zoccoli dall’aroma insopportabile. Se si faceva un esame istologico di quei legni pedestri o si recuperava la loro scatola nera, si trovava un estratto micidiale di sudore, sporcizie, ortaggi e pesce affeti­sciuto (putrefatto). Temibile l’odore di sfricone alle cipolle, con esalazioni leta­li. Chi andava al cinema in quelle condi­zioni era davvero un cinefilo, altro che Venezia.

[Marcello Veneziani, Cucù, 13.09.2012]

Il Senso di un Blog

Parlare in un blog di un altro blog rischia di trasformarsi in un esercizio di sostanziale autoreferenzialità. Pazienza, ci può anche stare.

Il fatto è che è stato pubblicato da un quotidiano online un pezzo interessante sui lettori di blog e sulla loro libertà di commentare, dibattere, argomentare, condividere, contestare, alimentare, infiammare. Libertà che spesso sfocia però nell’insulto, gratuito, anonimo, cattivo. Da qui riflessioni sul perché si scrive, sul fatto che il blog faccia o debba, o non debba, fare informazione, sulla voglia di raccontarsi, di confrontarsi, sulla difficoltà di farlo, sulla decisione di passare semplicemente avanti.

Che è ciò che in questo caso decide di fare l’autrice, concludendo il suo intervento con un’attesa, e una speranza.

“E visto che non sono capace di pungere, preferisco rannicchiarmi e aspettare che qualcuno mi spieghi come si fa a riaprire il cuore”.

Bouleversements

Parto. Non dimenticherò né la via Toledo né tutti gli altri quartieri di Napoli; ai miei occhi è, senza nessun paragone, la città più bella dell’universo.

[Stendhal, Roma, Napoli, Firenze]

United We Stand

If you’re going through hell, keep going.

[Winston Churchill]

 

Incipit (secondo estratto)

A lungo, mi sono coricato di buonora. Qualche volta, appena spenta la candela, gli occhi mi si chiudevano così in fretta che non avevo il tempo di dire a me stesso: “Mi addormento”. E, mezz’ora più tardi, il pensiero che era tempo di cercar sonno mi svegliava; volevo posare il libro che credevo di avere ancora fra le mani, e soffiare sul lume; mentre dormivo non avevo smesso di riflettere sulle cose che poco prima stavo leggendo, ma le riflessioni avevano preso una piega un po’ particolare; mi sembrava d’essere io stesso quello di cui il libro si occupava: una chiesa, un quartetto, la rivalità di Francesco I e Carlo V.

[Marcel Proust, Dalla parte di Swann, traduzione di Giovanni Raboni, Mondadori, 1965]

Andiamo a cominciare

Perché questo è l’ostacolo, la crosta da rompere: la solitudine dell’uomo – di noi e degli altri.

[Cesare Pavese, da Saggi letterari, Einaudi]